logo

Passione per l'Innovazione. Considerazione per i Pazienti.

Daiichi Sankyo Italia S.p.A.

Mese europeo per la consapevolezza del Cancro al Colon-retto

L’informazione può salvare vite: mese della prevenzione del Cancro al Colon-retto

Marzo è il mese europeo di sensibilizzazione del cancro colorettale (ECCAM), un momento importante per fare informazione ed educazione su quello che è il terzo tumore più diffuso al mondo nella popolazione maschile ed il secondo in quella femminile.

Negli ultimi trent'anni, la comunità scientifica ha acquisito maggiori informazioni sull’impatto del cancro colorettale (CRC), migliorando l’approccio educazionale e di prevenzione, dagli screening ai test e al trattamento, per migliorare la prognosi della malattia e la diagnosi precoce. Come risultato di questi sforzi ed iniziative di sensibilizzazione, sostenute da associazioni di pazienti come la Digestive Cancers Europe, è stata posta maggiore attenzione sulla situazione dei pazienti con CRC e la necessità di fare più ricerca.

Quest'anno, fare informazione è più importante che mai, considerati i ritardi e rallentamenti nella diagnosi causati dalla pandemia, per questo la nostra campagna di sensibilizzazione sul CRC si concentra su tre elementi:

- Educazione sulle disparità

Mentre il CRC è stato storicamente associato alla popolazione maschile anziana, l’incidenza del tumore negli adulti sotto i 50 anni è raddoppiato negli ultimi decenni, e la prevalenza è aumentata tra le donne.  Anche le diverse etnie sono colpite in modo sproporzionato, poiché le comunità nere, indigene e asiatiche sono a più alto rischio di cancro al colon-retto.  Concentrarsi sulle popolazioni che sono a più alto rischio di sviluppare CRC e ridurre le disparità, aiuterà a migliorare la loro consapevolezza della malattia e ad accedere ai trattamenti tempestivamente.

- Screening

Lo screening è un’arma di prevenzione fondamentale per combattere il carcinoma del colon-retto ed è per questo che le organizzazioni oncologiche mondiali raccomandano di iniziare a 45 anni. Il rallentamento dello screening dovuto alla pandemia, può causare un aumento della malattia in stadio avanzato e, in ultima analisi, della mortalità, perciò bisogna fare ogni sforzo affinché la popolazione comprenda i benefici dello screening. 

- Test e trattamento

Sottoporsi al test dei biomarcatori al momento della diagnosi, aiuta i pazienti con carcinoma colorettale a capire la tipologia di tumore da cui sono affetti e le relative opzioni di trattamento.  Sfortunatamente, i medici non sempre eseguono automaticamente i test per i biomarcatori nel CRC, e se lo fanno, i risultati non sono sempre discussi con il paziente. Dati i ritardi di diagnosi derivanti dalla pandemia, questo passaggio è fondamentale per assicurare ai pazienti il miglior trattamento possibile.

"I pazienti spesso non sono a conoscenza del loro stato dei biomarcatori o non sono sicuri che il loro medico abbia eseguito un test", ha dichiarato Anjee Davis, presidente di Fight CRC. "I pazienti dovrebbero invece conoscere questa informazione per essere in grado di prendere decisioni consapevoli sul trattamento e capire le opzioni che hanno per gli studi clinici".

Digestive Cancers Europe

Digestive Cancers Europe (DiCE) è un’organizzazione ombrello europea che rappresenta i pazienti con carcinoma del tratto gastrointestinale, colorettale, gastrico, pancreatico e con tumori rari. Fondata nel 20218 da Jolanta Gore-Booth, Stefan Gijssels, e dal Prof. Dr. Eric Van Cutsem, la mission della DICE è contribuire ad una diagnosi precoce e ridurre la mortalità dovuta ai tumori gastrointestinali per aumentare la sopravvivenza e migliorare la qualità di vita dei pazienti. Per maggiori informazioni, visita il sito https://digestivecancers.eu/