logo

Passione per l'Innovazione. Considerazione per i Pazienti.

Daiichi Sankyo Italia S.p.A.

Ricerca scientifica, selezionate le “Rising Stars” tra i talenti italiani under 40

Il progetto sponsorizzato con il contributo incondizionato di Daiichi Sankyo é dedicato ai giovani ricercatori italiani, per la promozione di lavori e progetti scientifici innovativi nell’ambito dell’uso delle terapie con i nuovi anticoagulanti orali

Roma, 21 giugno 2018 - Si chiama "NOACs LAB", l'iniziativa promossa con il contributo non condizionato di Daiichi Sankyo Italia dedicata ai giovani ricercatori italiani under 40, che mira a valorizzare lavori scientifici e progetti di ricerca innovativi nell'ambito dell'uso dei nuovi anticoagulanti orali (NOACs) per il trattamento della Fibrillazione Atriale e del Tromboembolismo Venoso. Le terapie con i NOACs, infatti, costituiscono una sfida per la nuova generazione di medici specialisti, che in questo ambito devono avere un ruolo centrale ma innovativo rispetto al passato, in termini di competenze e aggiornamento continuo, di capacità gestionale, di interazione con il mondo scientifico, di autonomia e condivisione al tempo stesso. Il Final Contest, che si terrà a Roma questa sera e domani, sarà interamente dedicato alla presentazione dei migliori lavori scientifici inediti, frutto dell'impegno dei giovani talenti italiani del settore. Hanno partecipato al Progetto i medici italiani specializzandi e specializzati che non avevano compiuto 40 anni al 06 maggio 2018, data ultima per la presentazione degli abstract, tramite l'iscrizione gratuita e l'upload del modulo di iscrizione sul sito noacslab.it 

I lavori che sono stati oggetto di selezione sono studi clinici in itinere o conclusi ma non pubblicati, progetti di ricerca o casi clinici, incentrati sull'uso dei NOACs nella Fibrillazione Atriale (FA) e nel Tromboembolismo Venoso (TEV), in particolare: i NOACs nel TEV; i NOACs nel paziente con FA nelle situazioni maggiormente sfidanti; l'utilizzo dei NOACS nei pazienti sottoposti a procedure interventistiche, sia per TEV che per FA.  

A giudicare i lavori è stata una Steering Committee composta da esperti provenienti da tutta Italia, con il coordinamento scientifico di Walter Ageno, Professore Associato di Medicina Interna presso Il Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell'Università dell'Insubria di Varese e Alessandro Capucci, Professore ordinario di malattie dell'apparato cardiovascolare presso l'Università Politecnica delle Marche di Ancona, con il supporto di un Team di giovani Talent Scout che sono stati a disposizione dei partecipanti al contest per necessità o dubbi nelle fasi pre e post submission.  

Tra i primi 100 abstract pervenuti, la Commissione ha selezionato 50 lavori, suddividendoli in 30 "Comunicazioni Orali e 20 "Poster" che saranno poi presentati nel Final Contest di Roma dagli autori stessi.  L'insindacabile giudizio della Commissione, si è basato sui parametri di originalità, metodologia, rilevanza scientifica, innovatività, applicabilità alla pratica clinica, modalità di descrizione e completezza della documentazione a supporto.  

"Rising Stars è un progetto estremamente ambizioso, soprattutto in questo momento in cui in Italia si sottolinea sempre più la necessità del coinvolgimento dei giovani nel mondo del lavoro in generale, e nell'ambito della ricerca scientifica in particolare. - spiega Walter Ageno a capo del coordinamento scientifico del Progetto -  E noi crediamo molto in questa iniziativa che incentiva la partecipazione dei giovani colleghi specialisti, specializzandi o dottorandi, con l'obiettivo non solo di promuovere e dare visibilità a innovativi lavori di ricerca, ma di dare l'opportunità ai nuovi talenti di incontrarsi e fare rete, al fine di creare virtuose collaborazioni e interazioni che diano vita a progetti sempre più grandi e importanti".                                                                                                                                      

Contatti